DA LUNEDI SARDEGNA IN ZONA ROSSA: ECCO LE NUOVE REGOLE

La Sardegna in zona rossa da lunedì 12 aprile. Ecco le nuove regole.

SPOSTAMENTI

❌ Coprifuoco esteso 24 h su 24 con divieto assoluto di spostamenti sia nel proprio Comune che verso altri Comuni se non per comprovati motivi legati al lavoro, a esigenze di salute o un’altra inderogabile e dimostrabile necessita’. Vietati spostamenti tra Regioni.

✅ È sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

❌ Vietati gli spostamenti per far visita ad amici o parenti autosufficienti e, in generale, tutti gli spostamenti verso abitazioni private abitate diverse dalla propria non dovuti a motivi di lavoro, necessità o salute.

SCUOLA

✅ Nella zona rossa è assicurato in presenza lo svolgimento dell’attività scolastica delle materne, elementari e medie ma in quest’ultimo caso solo per gli alunni del primo anno.

❌ Le attività didattiche della seconda e terza media e delle scuole superiori si svolgono esclusivamente in modalità a distanza.

✅ Resta sempre garantita la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.

ATTIVITA’

Bar e ristoranti – È sempre vietato consumare cibi e bevande all’interno dei ristoranti e delle altre attività di ristorazione (compresi bar, pasticcerie, gelaterie etc.) e nelle loro vicinanze.

✅ Fino alle 22.00 resta consentita la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto. Per i soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dai codici Ateco 56.3 ( bar e altri esercizi simili senza cucina) l’asporto è consentito esclusivamente fino alle 18. La consegna a domicilio è consentita nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti. È consentita, anche la consumazione di cibi e bevande all’interno degli alberghi e delle altre attività ricettive, per i soli clienti che vi alloggiano.

Attivita’ Commerciali – Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, ad eccezione delle attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità sia negli esercizi di vicinato sia nelle medie e grandi strutture di vendita, anche ricompresi nei centri commerciali.
✅ Consentiti i mercati all’aperto diretti alla vendita di soli generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie.

❌ Chiusi parrucchieri, barbieri e centri estetici. Chiusi cinema, musei e altri luoghi di cultura.

✅ Le funzioni religiose con la partecipazione di persone invece si possono svolgere, purché nel rispetto dei protocolli sottoscritti dal Governo con le rispettive confessioni.

ATTIVITA’ MOTORIA E SPORTIVA

❌ Sospese le attività di palestre e piscine, centri benessere e centri termali. Fanno eccezione le prestazioni che rientrano nei livelli essenziali di assistenza per le attività riabilitative o terapeutiche e per gli allenamenti degli atleti, professionisti e non professionisti, che devono partecipare a competizioni ed eventi riconosciuti di rilevanza nazionale con provvedimento del Coni o del Cip. Sono sospese l’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sia all’aperto che al chiuso.

✅ L’attività motoria è consentita individualmente solo nei pressi della propria abitazione e attivita’ sportiva solo all’aperto e solo in forma individuale. È obbligatorio rispettare la distanza di almeno un metro da ogni altra persona e indossare dispositivi di protezione individuale. Sono sempre vietati gli assembramenti.


Il non rispetto delle suddette regole è sanzionato con multe dai 400 ai 1000 euro.

CAMPAGNA VACCINALE-IN CAMPO IL SERVIZIO DI DIABETOLOGIA PER I PAZIENTI DIABETICI

Il Servizio di Diabetologia della Assl di Olbia, in collaborazione con il Servizio di Igiene e Sanità pubblica, per venire incontro ai pazienti diabetici si mette a disposizione del Piano vaccinale.

Healthcare cure concept with a hand in blue medical gloves holding Coronavirus, Covid 19 virus, vaccine vial

Nelle giornate di martedì e giovedì (a cominciare dal 6aprile) dalle 14.30 alle 16.30 i pazienti in carico alla struttura  verranno vaccinati presso il Centro vaccinale di Olbia, su convocazione fatta direttamente dagli operatori del servizio.  I pazienti, che rientrano tra le categoria dei soggetti ad elevata fragilità, verranno contattati telefonicamente dalla Assl per avere l’appuntamento.

Da martedi 6 aprile, e sino a conclusione,  si inizia con la vaccinazione dei diabetici di tipo 1 insulino dipendenti (circa 950 pazienti) per poi passare ai pazienti diabetici tipo 2 più fragili.

Si ricorda che i pazienti diabetici verranno contattati telefonicamente, pertanto si raccomanda di non avvicinarsi all’HUB in assenza di appuntamento precedentemente concordato con il Servizio .

COMUNICAZIONE DEL SINDACO DI SAN TEODORO

Cari concittadini,

voglio ancora una volta ringraziarvi per il grande senso civico dimostrato in occasione della campagna di screening che ha visto coinvolto San Teodoro nei giorni scorsi. La vostra grande partecipazione, infatti, è stata fondamentale e ha dato un importantissimo contributo nel delineare un quadro chiaro e preciso della situazione epidemiologica attuale.

Lo screening ha fornito dati confortanti che tuttavia, allo stato attuale, vista la normativa vigente, non consentono l’immediata revoca dell’Ordinanza che ha istituito la “Zona Rossa”.

Di fatto, quindi, anche in accordo con i titolari dei pubblici esercizi in attività al momento dell’istituzione della “Zona Rossa”, si è deciso di aspettare la naturale scadenza dei termini indicati nell’Ordinanza n. 8/2021 e nell’Ordinanza in rettifica n. 9/2021 che saranno in vigore fino alle ore 23:59 del 10/03/2021.

Ci sono importanti novità invece in merito alla campagna di vaccinazione che coinvolgerà tutti i residenti ultra ottantenni  prevista per mercoledì 10 marzo. Gli stessi verranno contattati telefonicamente dal personale Comunale a partire da domani per ricevere istruzioni circa l’orario, il luogo e modalità di accesso.

Infine voglio rendervi partecipi del fatto che, unitamente ai Sindaci dei Comuni di Bono e La Maddalena, anch’essi “zona rossa” , si è provveduto nei giorni scorsi ad inviare un’istanza  alla Regione Sardegna, che allego alla presente, al fine di richiedere :

  • La previsione di una campagna vaccinale di massa;
  • La previsione, con legge di stabilità 2021, di apposite risorse finanziarie del Bilancio Regionale da destinare in conto “ristori”, a favore del comparto economico – produttivo, gravemente compromesso dalla contingenza dell’emergenza sanitaria che ha colpito in modo straordinario i nostri Comuni.

Ricordandovi ancora una volta che sarà comunque fondamentale che tutti noi continuiamo a mantenere comportamenti responsabili e virtuosi affinché si possa tornare quanto prima alla normalità, vi saluto e vi abbraccio affettuosamente.

Il Vostro Sindaco

Rita Deretta

Istanza RAS

PRENDE IL VIA AD OLBIA LA CAMPAGNA VACCINALE OVER 80

Prende il via ad Olbia la campagna vaccinale dei cittadini con più di 80 anni e dalla prossima settimana verrà estesa ai piccoli comuni del territorio, partendo da quelli più distanti dalle strutture ospedaliere.

Healthcare cure concept with a hand in blue medical gloves holding Coronavirus, Covid 19 virus, vaccine vial

Nella ASSL Olbia è iniziata questa mattina la vaccinazione dei cittadini con più di 80 anni: al termine dell’ultima cabina di regia regionale, la Direzione ARES – ATS Sardegna, la Direzione ASSL Olbia e la Direzione Dipartimento di Prevenzione Zona Nord con il Servizio di Igiene pubblicandi Olbia hanno dato disposizioni per l’avvio della campagna di vaccinazione anti Covid-19 e sono iniziate le prime somministrazioni ai residenti dei Comuni di Olbia, al momento effettuato nel centro vaccinale dell’ospedale Giovanni Paolo II.

Nelle more della completa attivazione della procedura di prenotazione tramite SMS/CUP, in questa prima fase, i cittadini nati prima del 1941 verranno chiamati al telefono direttamente dagli operatori del Servizio di igiene pubblica sulla base di elenchi forniti dal Comune di Olbia. Una volta ricevuto il consenso di adesione alla campagna vaccinale gli operatori programmeranno l’appuntamento. Una volta giunti al punto vaccinale, i medici effettuano l’anamnesi pre-vaccinale e provvedono alla somministrazione della prima dose. Per il corretto svolgimento delle attività, è importante quindi che i cittadini che appartengono a questa categoria rispondano al telefono.

Per i centri più periferici, a partire dalla prossima settimana, la ASSL Olbia ha scelto di privilegiare la vaccinazione in loco: le squadre mobili, d’accordo con il sindaco, si recheranno sul posto per somministrare le dosi del vaccino anti Covid-19. Queste attività, programmate sulla base dei vaccini disponibili, saranno rese note ai cittadini dalle singole Amministrazioni Comunali. Queste ultime, le interlocuzioni sono ancora in corso, si stanno impegnando ad individuare dei locali, privi di barriere architettoniche, in cui poter effettuare la vaccinazione e collaboreranno con la Assl di Olbia per raggiungere tutta la popolazione target.

La campagna di vaccinazione dei cittadini over 80 vede la stretta collaborazione della Direzione della ASSL Olbia, della Direzione del Dipartimento di Prevenzione Zona Nord e del Servizio di Igiene e sanità pubblica della Assl Olbia , delle Direzioni dei Distretti, delle Direzioni dei presidi ospedalieri , dei sindaci e delle Amministrazioni Comunali.

Sono 180 gli over 80 residenti a Olbia che nella giornata di oggi verranno sottoposti alla prima dose di vaccino.

Assl Olbia comunica:
“Si chiede alla popolazione di rispettare l’orario che viene assegnato per la vaccinazione, così da evitare criticità nell’erogazione del servizio. Questa mattina, all’avvio dell’attività, a causa del non rispetto dell’orario si sono registrato degli assembramenti, gestiti immediatamente in loco dagli operatori sanitari e dal servizio di vigilanza della Assl. Il rispetto delle convocazione è quindi fondamentale.

CAMPAGNA SCREENING A SAN TEODORO

COMUNICAZIONE DEL SINDACO RITA DERETTA

Cari concittadini, vi annuncio con immenso piacere che lunedì inizierà lo screening nel nostro territorio comunale, grazie alla collaborazione dell’𝐴𝑠𝑠𝑒𝑠𝑠𝑜𝑟𝑎𝑡𝑜 𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑆𝑎𝑛𝑖𝑡𝑎̀ 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑅𝑒𝑔𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑆𝑎𝑟𝑑𝑒𝑔𝑛𝑎 e 𝐴𝑇𝑆 𝑆𝑎𝑟𝑑𝑒𝑔𝑛𝑎. Lo screening permetterà di avere ben chiara la situazione dei contagi nel nostro Comune ed escludere la presenza di nuovi focolai. Potranno sottoporsi al tampone antigenico tutti i residenti del Comune di San Teodoro con età superiore ai 5 anni e tutti coloro che per motivi lavorativi vi accedono costantemente. In caso di positività al tampone antigenico, gli utenti verranno sottoposti al tampone mole-colare che verrà analizzato nel laboratorio dell’𝐴𝑂𝑈 𝑑𝑖 𝑆𝑎𝑠𝑠𝑎𝑟𝑖. Sono esclusi dallo screening tutti i soggetti che risultano attualmente positivi al Covid-19, le persone già sottoposte a quarantena, coloro che presentano dei sintomi e i professori e gli alunni delle classi 1°A e 2°B della Scuola Secondaria di II° grado, in quanto verranno seguiti, e saranno sottoposti a tampone, direttamente dall’ATS. I soggetti interessati da quest’ultimo screening eseguiranno il tampone molecolare presso l’Hotspot allestito nel parcheggio dell’I.Ci.Mar, nella giornata di lunedì 1 marzo a partire dalle ore 12:00. Lo screening si svolgerà nelle giornate di lunedì 1 e martedì 2 marzo 2021 presso la 𝐩𝐚𝐥𝐞𝐬𝐭𝐫𝐚 𝐬𝐜𝐨𝐥𝐚𝐬𝐭𝐢𝐜𝐚 𝐝𝐞𝐥𝐥’𝐈𝐬𝐭𝐢𝐭𝐮𝐭𝐨 𝐂𝐨𝐦𝐩𝐫𝐞𝐧𝐬𝐢𝐯𝐨 𝐢𝐧 𝐕𝐢𝐚 𝐌𝐨𝐥𝐢𝐬𝐞, con l’obiettivo di contenere i contagi da Covid-19 nella variante inglese ed avere la possibilità di “sbloccare” in anticipo il paese dalla zona rossa comunale.Tutti coloro che non possiedono la residenza nel Comune di San Teodoro ma vi accedono per motivi lavorativi, cittadini comunitari ed extracomunitari, possono inoltrare la richiesta, per essere sottoposti al tampone antigenico, all’indirizzo mail: comunicazionicovid@comunesanteodoro.gov.itAllo screening gratuito, ci si dovrà presentare muniti di tessera sanitaria ed un documento di riconoscimento in corso di validità, verrà inoltre distribuita l’informativa che dovrà esse-re firmata e consegnata all’accettazione.Lo screening verrà organizzato secondo il seguente calendario:• 𝐥𝐮𝐧𝐞𝐝𝐢̀ 𝟏 𝐦𝐚𝐫𝐳𝐨 𝐝𝐚𝐥𝐥𝐞 𝐨𝐫𝐞 𝟖:𝟑𝟎 𝐚𝐥𝐥𝐞 𝐨𝐫𝐞 𝟏𝟑:𝟎𝟎: capifamiglia con cognome dalla lettera 𝐀 alla lettera 𝐂 e tutto il proprio nucleo familiare;• 𝐥𝐮𝐧𝐞𝐝𝐢̀ 𝟏 𝐦𝐚𝐫𝐳𝐨 𝐝𝐚𝐥𝐥𝐞 𝐨𝐫𝐞 𝟏𝟒:𝟎𝟎 𝐚𝐥𝐥𝐞 𝐨𝐫𝐞 𝟏𝟖:𝟎𝟎: capifamiglia con cognome dalla lettera 𝐃 alla lettera 𝐋 e tutto il proprio nucleo familiare;• 𝐦𝐚𝐫𝐭𝐞𝐝𝐢̀ 𝟐 𝐦𝐚𝐫𝐳𝐨 𝐝𝐚𝐥𝐥𝐞 𝐨𝐫𝐞 𝟖:𝟑𝟎 𝐚𝐥𝐥𝐞 𝐨𝐫𝐞 𝟏𝟑:𝟎𝟎: capifamiglia con cognome dalla lettera 𝐌 alla lettera 𝐑 e tutto il proprio nucleo familiare;• 𝐦𝐚𝐫𝐭𝐞𝐝𝐢̀ 𝟐 𝐦𝐚𝐫𝐳𝐨 𝐝𝐚𝐥𝐥𝐞 𝐨𝐫𝐞 𝟏𝟒:𝟎𝟎 𝐚𝐥𝐥𝐞 𝐨𝐫𝐞 𝟏𝟖:𝟎𝟎: capifamiglia con cognome dalla lettera 𝐒 alla lettera 𝐙 e tutto il proprio nucleo familiare e tutti i soggetti che hanno comunicato la loro intenzione di partecipare allo screening per mezzo della mail comunicazionicovid@comunesanteodoro.gov.it.Ricordiamo, inoltre, di evitare assembramenti all’esterno della struttura e:• Indossare sempre la mascherina; • Mantenere il distanziamento sociale;• Igienizzare spesso le mani.Durante le due giornate, il Comune di San Teodoro, inoltre, 𝐝𝐨𝐧𝐞𝐫𝐚̀ 𝐧. 𝟒𝟎.𝟎𝟎𝟎 𝐦𝐚𝐬𝐜𝐡𝐞𝐫𝐢𝐧𝐞 𝐜𝐡𝐢𝐫𝐮𝐫𝐠𝐢𝐜𝐡𝐞 a tutta la popolazione.Il Vostro SindacoRita Deretta

ZONA ROSSA A SAN TEODORO – PRINCIPALI REGOLE

Principali regole per la zona rossa a San Teodoro.

Spostamenti

• È vietato ogni spostamento, anche all’interno del proprio Comune, in qualsiasi orario salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute
• Vietati gli spostamenti da una Regione all’altra e da un Comune all’altro

Bar e Ristoranti

• Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie)
• Fino alle 22.00 resta consentita la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto. Per i soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dai codici Ateco56.3 – (bar e altri esercizi simili senza cucina) e 47.25 (commercio al dettaglio di bevande in esercizi specializzati) l’asporto è consentito esclusivamente fino alle 18

Attività commerciali al dettaglio e mercati

• Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, ad eccezione delle attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità
• Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie, lavanderie, parrucchieri e barbieri. Chiusi i centri estetici.

Scuola

• Didattica a distanza come da ordinanza n. 7del 23/02/21.

Attività motoria e sportiva

• Sono sospese tutte le competizioni sportive salvo quelle riconosciute di interesse nazionale dal CONI e dal CIP. Sospese le attività nei centri sportivi
• Resta consentito svolgere attività motoria nei pressi della propria abitazione e attività sportiva solo all’aperto in forma individuale.

Zona rossa comunale, attiva dalle ore 16:00 di oggi e fino al 10/03/21 compreso. È stato attivato il seguente numero di telefono da poter contattare, dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 13:00, per chiarimenti o informazioni: 0784860045.

ORDINANZA


AGGIORNAMENTO COVID A SAN TEODORO

Aggiornamento COVID a San Teodoro, attualmente il numero dei residenti positivi al Covid-19 rimane invariato rispetto alla giornata di ieri, pertanto ad oggi si confermano 15 casi.

Con il Servizio di Igiene Pubblica di Olbia, a partire da ieri e fino al contenimento del contagio, il personale comunale incaricato sta provvedendo a sentire telefonicamente tutte le persone positive e segnalate come “contatti di positivo” al fine di tracciare la rete dei contatti. Inoltre al fine di contrastare la diffusione del virus è stata emessa l’Ordinanza n. 7/2021 che ha disposto la 𝘀𝗼𝘀𝗽𝗲𝗻𝘀𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗲 𝗮𝘁𝘁𝗶𝘃𝗶𝘁𝗮̀ 𝗱𝗶𝗱𝗮𝘁𝘁𝗶𝗰𝗵𝗲 𝗶𝗻 𝗽𝗿𝗲𝘀𝗲𝗻𝘇𝗮 𝗲 𝗹’𝗮𝘁𝘁𝗶𝘃𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗗𝗔𝗗, 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗲 𝘀𝗰𝘂𝗼𝗹𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹’𝗶𝗻𝗳𝗮𝗻𝘇𝗶𝗮,𝗽𝗿𝗶𝗺𝗮𝗿𝗶𝗲 𝗲 𝘀𝗲𝗰𝗼𝗻𝗱𝗮𝗿𝗶𝗲 𝗱𝗶 𝗽𝗿𝗶𝗺𝗼 𝗴𝗿𝗮𝗱𝗼 𝗱𝗲𝗹 𝗽𝗹𝗲𝘀𝘀𝗼 𝘀𝗰𝗼𝗹𝗮𝘀𝘁𝗶𝗰𝗼 𝗱𝗶 𝗦𝗮𝗻 𝗧𝗲𝗼𝗱𝗼𝗿𝗼 𝗲 𝗱𝗲𝗹 𝗠𝗶𝗰𝗿𝗼𝗻𝗶𝗱𝗼 𝗖𝗼𝗺𝘂𝗻𝗮𝗹𝗲 𝗱𝗮 𝗱𝗼𝗺𝗮𝗻𝗶 𝟮𝟰/𝟬𝟮/𝟮𝟬𝟮𝟭 𝗮𝗹 𝟬𝟵/𝟬𝟯/𝟮𝟬𝟮1.

CASISTICHE COVID-19

“Al fine di facilitare l’individuazione di possibili contatti e le procedure da attivare nel caso in cui ci si trovi nella condizione di possibile contagio, e comprendere le disposizioni concordate e validate dall’ATS si elencano di seguito le casistiche più frequenti con i relativi protocolli da attivare. 𝑆𝑖 𝑜𝑏𝑏𝑙𝑖𝑔𝑎𝑛𝑜 𝑖 𝑐𝑖𝑡𝑡𝑎𝑑𝑖𝑛𝑖 𝑎𝑑 𝑜𝑠𝑠𝑒𝑟𝑣𝑎𝑟𝑒 𝑞𝑢𝑎𝑛𝑡𝑜 𝑑𝑖 𝑠𝑒𝑔𝑢𝑖𝑡𝑜 𝑖𝑛𝑑𝑖𝑐𝑎𝑡𝑜 𝑖𝑛 𝑚𝑎𝑛𝑖𝑒𝑟𝑎 𝑠𝑐𝑟𝑢𝑝𝑜𝑙𝑜𝑠𝑎” comunica l’amministrazione comunale.

>> Il Sig. Rossi risulta essere positivo al Covid-19:

a) deve rimanere in isolamento in attesa di successive comunicazioni da parte dell’ATS;

b) deve comunicare sempre all’ATS e al Comune l’elenco di tutti i soggetti con i quali è entrato in stretto contatto(1);

c) il Sig. Rossi rimane in isolamento fino a negativizzazione di 1 o 2 tamponi(2);

d) il nucleo familiare convivente del Sig. Rossi deve sottoporsi a tampone e rimanere in quarantena per 14 giorni ed eseguire un secondo tampone a fine quarantena.

>> Il Sig. Bianchi (contatto con positivo covid-19) che ha avuto un contatto stretto con il Sig. Rossi (risultato positivo al covid-19):

a) deve sottoporsi a tampone e rimanere in quarantena per 14 giorni ed eseguire un secondo tampone a fine quarantena;b) il Sig. Bianchi deve segnalare al Comune e all’ATS di avere avuto un contatto con il Sig. Rossi (risultato positivo al covid-19) sempre che non lo abbia già fatto lo stesso Sig. Rossi;

c) il nucleo familiare convivente del Sig. Bianchi, se quest’ultimo è minore, deve eseguire una quarantena fino al secondo tampone negativo del Sig. Bianchi (essendo praticamente impossibile sottoporre a isolamento totale un minore);

d) se invece il Sig. Bianchi dovesse essere un adulto e sempre che sia possibile sottoporre a isolamento totale il sig. Bianchi, il nucleo famigliare convivente del Sig. Bianchi dovrebbe, nell’ottica di una limitazione dei contagi vista l’alta contagiosità di questo virus, sottoporsi a quarantena fiduciaria fino all’esito negativo del primo tampone del Sig. Bianchi.

>>Il Sig. Verdi (contatto di contatto con positivo covid-19) che ha avuto uno stretto contatto con il Sig. Bianchi:

a) dovrà sottoporsi a quarantena fiduciaria fino all’esito negativo del primo tampone del Sig. Bianchi;

b) nessuna prescrizione per il nucleo familiare convivente del Sig. Verdi. Si ricorda che le persone sottoposte a quarantena/isolamento(3), obbligatoria o fiduciaria, segnalate all’ATS, riceveranno una dichiarazione che verrà usata dai medici di famiglia per certificarne l’assenza dal lavoro.

𝑁𝑂𝑇𝐸(1) 𝑃𝑒𝑟 𝑙𝑎 𝑑𝑒𝑓𝑖𝑛𝑖𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑖 𝑐𝑜𝑛𝑡𝑎𝑡𝑡𝑜 𝑠𝑡𝑟𝑒𝑡𝑡𝑜 𝑠𝑖 𝑟𝑖𝑚𝑎𝑛𝑑𝑎 𝑎𝑙𝑙𝑎 𝐶𝑖𝑟𝑐𝑜𝑙𝑎𝑟𝑒 𝑀𝑖𝑛𝑖𝑠𝑡𝑒𝑟𝑜 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑆𝑎𝑙𝑢𝑡𝑒 𝑛. 18584/2020.(2) 𝑆𝑖 𝑖𝑛𝑡𝑒𝑛𝑑𝑜𝑛𝑜 𝑒𝑠𝑐𝑙𝑢𝑠𝑖𝑣𝑎𝑚𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑖 𝑡𝑎𝑚𝑝𝑜𝑛𝑖 𝑚𝑜𝑙𝑒𝑐𝑜𝑙𝑎𝑟𝑖 𝑐𝑒𝑟𝑡𝑖𝑓𝑖𝑐𝑎𝑡𝑖 𝐴𝑇𝑆.(3) 𝑄𝑢𝑎𝑟𝑎𝑛𝑡𝑒𝑛𝑎: 𝑖𝑛𝑡𝑒𝑟𝑒𝑠𝑠𝑎 𝑙𝑒 𝑝𝑒𝑟𝑠𝑜𝑛𝑒 𝑠𝑎𝑛𝑒 𝑐ℎ𝑒 𝑠𝑜𝑛𝑜 𝑣𝑒𝑛𝑢𝑡𝑒 𝑎 𝑐𝑜𝑛𝑡𝑎𝑡𝑡𝑜 𝑐𝑜𝑛 𝑢𝑛 𝑝𝑜𝑠𝑖𝑡𝑖𝑣𝑜 𝑒 𝑛𝑜𝑛 𝑑𝑒𝑣𝑜𝑛𝑜 𝑎𝑣𝑒𝑟𝑒 𝑐𝑜𝑛𝑡𝑎𝑡𝑡𝑖 𝑐𝑜𝑛 𝑛𝑒𝑠𝑠𝑢𝑛𝑜 𝑝𝑒𝑟 𝑙𝑎 𝑑𝑢𝑟𝑎𝑡𝑎 𝑑𝑒𝑙 𝑝𝑒𝑟𝑖𝑜𝑑𝑜 𝑑𝑖 𝑖𝑛𝑐𝑢𝑏𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑒𝑙 𝑣𝑖𝑟𝑢𝑠 (14 𝑔𝑖𝑜𝑟𝑛𝑖).𝐼𝑠𝑜𝑙𝑎𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜: 𝑟𝑖𝑔𝑢𝑎𝑟𝑑𝑎 𝑖 𝑐𝑎𝑠𝑖 𝑎𝑐𝑐𝑒𝑟𝑡𝑎𝑡𝑖 𝑑𝑖 𝐶𝑜𝑣𝑖𝑑-19 𝑐ℎ𝑒 𝑑𝑒𝑣𝑜𝑛𝑜 𝑖𝑠𝑜𝑙𝑎𝑟𝑠𝑖 𝑑𝑎 𝑡𝑢𝑡𝑡𝑖 𝑒𝑑 𝑒𝑣𝑖𝑡𝑎𝑟𝑒 𝑖𝑛 𝑡𝑢𝑡𝑡𝑖 𝑖 𝑚𝑜𝑑𝑖 𝑙𝑎 𝑡𝑟𝑎𝑠𝑚𝑖𝑠𝑠𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑒𝑙𝑙’𝑖𝑛𝑓𝑒𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒.

MATER OLBIA – NUOVI ORARI RITIRO REFERTI

A partire da lunedì 15 febbraio i nuovi orari per il ritiro referti sono i seguenti: dal lunedì al venerdì dalle ore 11.30 alle ore 15.30.

Il referto è un documento personale che contiene l’esito dell’esame effettuato. Esso viene consegnato al termine dell’esame, ove possibile, o a distanza di qualche giorno dall’effettuazione dell’esame, laddove la refertazione richieda più tempo.

Referti di laboratorio

Come funziona: in fase di accettazione sarà chiesto di fornire un numero di telefono cellulare ed un indirizzo e-mail personale.

L’invio del referto al suo indirizzo e-mail Le verrà comunicato via SMS:

  • accedere alla propria casella di posta elettronica dal dispositivo in uso (computer / smartphone)
  • aprire l’email inviata dal Mater Olbia cliccando sul link evidenziato in giallo (vedi figura)
  • inserire il codice identificativo (PIN) ricevuto via SMS
  • inserire la spunta “non sono un robot”
  • scaricare il referto in formato PDF
  • Se dovesse avere problemi nell’apertura del file consigliamo di scaricare:

Qualora non riuscisse ad aprire il referto, scrivere a cuplaboratorio@materolbia.com riportando i seguenti dati: nome, cognome, data dell’esame, codice fiscale, email e numero di cellulare. In questo modo ritenteremo l’invio. 

Referti di radiologia

Come funziona: In fase di accettazione sarà chiesto di fornire un numero di telefono cellulare ed un indirizzo e-mail personale. Entrambi i dati richiesti sono importanti ai fini della notifica di avvenuta refertazione dell’esame e di disponibilità del referto.

Quando è disponibile il referto dell’esame effettuato: riceverà un sms o una email di notifica non appena sarà disponibile il suo referto che dovrà essere ritirato entro 90 giorni dalla notifica. Qualora non ricevesse sms o email di notifica può inviare una email a referti.radiologia@materolbia.comindicando nome, cognome e contatto telefonico. In caso di mancato ritiro entro il termine di 90 giorni dalla notifica, il suo referto viene distrutto nella tutela della privacy, e l’eventuale ristampa è a pagamento (vedi sezione richiesta duplicato referto di radiologia).

Modalità di ritiro:

  • ritiro di persona presso l’edificio F1 antistante l’ingresso principale dell’ospedale dal lunedì al venerdì dalle ore 11.00 alle ore 15.00. NB. A partire dal 15 febbraio l’orario di ritiro subirà una piccola variazione. sarà quindi possibile ritirare i referti dal lunedì al venerdì dalle ore 11.30 alle ore 15.30. Qualora fosse impossibilitato al ritiro del suo referto in prima persona, è possibile il ritiro con delega di un soggetto terzo, compilando il modulo disponibile:
    • allegando la copia del documento del delegante;
    • esibendo il documento di identità del delegato in originale.
  • mediante spedizione con corriere espresso solo per RMN, TAC, RX e MAMMO: il paziente potrà richiedere la spedizione del referto solo in fase di accettazione, con pagamento contestuale delle spese pari a 25,00€ per ogni referto. La spedizione avverrà il giorno successivo alla notifica di avvenuta refertazione dell’esame (via sms o via email): La ricezione è garantita:
    • entro 24 ore nella regione Sardegna
    • entro 48 ore nel resto d’Italia.

Richiesta duplicato referti

Come funziona: è possibile richiedere il duplicato del referto di un esame eseguito presso gli sportelli dell’accettazione compilando il modulo disponibile. La copia del referto sarà disponibile entro 48 ore dalla richiesta.

Costi: la richiesta di duplicato ha un costo di 15,00€ per referto.

Modalità di ritiro: le modalità sono analoghe a quelle del ritiro dei referti di radiologia.

Chi può inoltrare la richiesta di duplicato:

  • Il diretto interessato provvisto di documento di identità
  • Un delegato presentando il modulo di richiesta compilato e sottoscritto dal titolare della documentazione, allegando il documento di identità di quest’ultimo (in originale o copia controfirmata dal titolare). Al ritiro, il delegato dovrà essere provvisto del proprio documento di identità, di delega firmata e di un documento di identità del delegante (in originale o copia controfirmata dal titolare)
  • Nel caso di minori o incapaci assoluti/relativi, coloro che esercitano la patria potestà o tutori/curatori (oppure loro delegati) muniti di adeguata documentazione legale ed eventuale delega. Il minore emancipato dovrà produrre una certificazione idonea
  • Gli eredi legittimari del paziente deceduto, muniti di adeguata documentazione legale/autocertificazioni attestanti la propria relazione di parentela. Quando i legittimari siano più d’uno e vi sia tra loro dissenso, è competente in merito l’Autorità Giudiziaria

Scarica qui il modello di richiesta duplicato

Scarica qui il modello di delega

VACCINI PER OVER 80 – SI PARTE IL 20 FEBBRAIO

La somministrazione dei vaccini per gli over 80 in Sardegna dovrebbe partire il 20 febbraio. La somministrazione dovrebbe partire durante lo screening “Sardi e sicuri” in programma il 20 e il 21 febbraio in Medio Campidano.

L’assessore della Sanità Mario Nieddu, conferma in una nota stampa, che la Regione aveva pensato di mettere in campo il binomio tamponi-vaccini per gli ultraottantenni già in occasione dello screening di domani e domenica a Nuoro con, a disposizione, circa undicimila dosi di Pfizer. Ma il progetto è stato rinviato al prossimo weekend. Anche di questo si sta parlando durante l’unità di crisi regionale sul piano vaccinale, convocata soprattutto per fare il punto sulla tempistica sulla base della disponibilità dei vaccini.

In Sardegna, intanto, è arrivata giorni fa la prima consegna di farmaco AstraZeneca destinato agli under 55 dipendenti delle scuole, forze dell’ordine e militari. L’Ufficio scolastico regionale sta fornendo gli elenchi degli insegnanti, mentre per le forze armate, di polizia e vigili del fuoco il Viminale ha scritto ai prefetti, chiedendo una ricognizione sul personale idoneo. Ma la somministrazione non è ancora cominciata e potrebbe scattare da un momento all’altro. Sarà attivata molto presto la piattaforma Cup Web dove i cittadini potranno telefonare per le prenotazioni oppure registrarsi online.

Intanto, secondo il report struttura commissaria per l’emergenza, ad oggi in Sardegna sono state somministrate 59.676 dosi su 85.520 consegnate, quindi il 69,8%.

Fonte Ansa.it

1 2 3 6