Sardegna e Sicilia, Tirrenia blocca i traghetti.

Le navi Tirrenia che collegavano Sardegna e Sicilia non viaggiano più. Rimangono a terra pochi passeggeri, ma il problema maggiore in questo momento, sono il blocco delle merci.

Il debito da 180 milioni non è stato ancora saldato da parte del gruppo di Vincenzo Onorato vero lo Stato, pertanto le navi si fermano da oggi. È subito emergenza merci, dopo le difficoltà dovute dalle restrizione del Decreto per fermare il Coronavirus, si aggiunge anche questo improvviso stop delle navi Tirrenia.

Una questione finanziaria, debiti e crediti di società intrecciate. 180 milioni attesi dallo Stato da anni per l’acquisizione della vecchia società pubblica. Avviato oggi, dopo tante sentenze, vendite non concluse di traghetti e multe, da parte dei commissari della vecchia società Tirrenia, un sequestro conservativo della Cin, nuova compagnia creata al momento del trasferimento di proprietà da parte dello Stato e successivamente rilevata dall’armatore Vincenzo Onorato (gruppo Moby).

La motivazione del blocco dei conti è quello di assicurarsi le somme che l’armatore Onorato non ha ancora versato allo Stato per l’acquisizione della Tirrenia. Pertanto I commissari Beniamino Caravita, Stefano Ambrosini e Gerardo Longobardi, hanno eseguito oggi il sequestro conservativo

Il blocco dei traghetti è arrivato subito, in risposta da parte di Onorato, precisando che la società è liquida ma con il blocco dei conti vi è l’impossibilità di operare. Pertanto sarà impossibile continuare il servizio programmato per oggi su tutte le linee per la Sardegna, Tremiti e Sicilia.

L’emergenza aumenta e si complica in quanto, da oggi, si rischia un caos con il trasporto merci e lo spostamento delle persone autorizzate per ragioni di salute o lavorative, rischiando il vero isolamento con grossi problemi per la popolazione.

Sabrina, sarta di San Teodoro, realizza mascherine dalle lenzuola

Sabrina, proprietaria di una merceria a San Teodoro realizza mascherine in stoffa, a titolo gratuito, per chi ne avesse la necessità.

L’attività, come provvede il Decreto è chiusa, infatti, In questo momento di difficoltà e lavorando da casa mette a disposizione le sue abilità di sarta aiutando la sua comunità cucendo mascherine in stoffa, per chi ne avesse la necessità, a titolo gratuito.

Bonus 600 euro -INPS

L’INPS ha definito le modalità per richiedere il bonus 600 euro, con il comunicato n. 1381 del 26 marzo 2020, per le partite IVA.

Il bonus di 600 euro (una tantum) è stato introdotto in favore dei titolari di partita iva, per i co.co.co., lavoratori dipendenti stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali. Hanno diritto anche i soci di società di persone o di capitali obbligati a iscriversi alle gestioni speciali dell’Ago, prevista dal decreto “cura Italia” (articolo 28 del Dl 18/2020) per il mese di marzo. Esclusi, invece, gli agenti di commercio. I professionisti ordinistici potranno accedere al reddito di ultima istanza (anch’esso di 600 euro) presentando domanda alla Cassa di appartenenza.

Il Decreto Cura Italia, è stato varato dal Governo e pubblicato in G.U. n. 70 del 17 marzo 2020, per salvaguardare l’economia Italiana dall’emergenza sanitaria ed economica del COVID-19 ed ha previsto un bonus 600 euro come misura di sostegno al reddito. Questo è quanto previsto dagli articoli 27 e 28 del Decreto.

Le domande potranno essere presentate dal 1 aprile. l’INPS ha descritto le procedure per effettuare la domanda di richiesta del bonus 600 euro.

La domanda potrà essere effettuata sul portale INPS accedendo con le seguenti modalità:

  • Modalità ordinaria, qualora il cittadino sia munito di PIN dispositivo, SPID di livello 2 o superiore, Carta di identità elettronica e Carta nazionale dei servizi;
  • Modalità semplificata, qualora il richiedente sia sprovvisto degli strumenti previsti per la procedura ordinaria, permettendo di inserire soltanto la prima parte del PIN (prime 8 cifre del PIN).

Il bonus 600 euro può essere richiesto da:

  • Liberi professionisti titolari di partita IVA (attiva alla data del 23 febbraio 2020);
  • Lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa (attivi alla data del 23 febbraio 2020)
  • Lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’Ago, ossia artigiani e commercianti, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie;
  • Dipendenti stagionali del turismo e degli stabilimenti termali che hanno perso il lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e la data di entrata in vigore della presente disposizione. I lavoratori non devono essere titolari di pensione o di altro rapporto di lavoro dipendente;
  • Lavoratori del settore agricolo a tempo determinato, non titolari di pensione, che nel 2019 abbiano effettuato almeno 50 giornate effettive di attività di lavoro agricolo;
  • Lavoratori dello spettacolo ovvero che siano iscritti al Fondo pensioni dello spettacolo. Essi devono avere almeno 30 contributi giornalieri versati nel corso dell’anno 2019 al medesimo Fondo e un reddito (da questo lavoro) non superiore a 50.000 euro. Gli stessi non devono essere titolari di pensione e infine non possono essere titolari di rapporto di lavoro dipendente alla data di entrata in vigore della disposizione.

Decreto Cura Italia-Per gli automobilisti

Lunedì sera il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Cura Italia, che tra le varie misure contiene anche delle norme che riguardano patenti, assicurazione, multe, revisioni auto e altro ancora. Nessuna novità invece per il bollo auto.

Per quanto riguarda lo slittamento della revisione dei veicoli (tutti i mezzi) ed è contenuta nell’articolo 92 del decreto, comma 4, la scadenze entro il 31 luglio viene prorogata ad una data entro il 31 ottobre.

Per quanto riguarda le patenti in scadenza, Le misure sono contenute negli articoli 103 e 104 del Cura Italia, la proroga però ha tempi differenti. Bisogna infatti distinguere tra quando la patente ha il valore di permesso alla guida e quando la patente serve come documento di identità. Come permesso alla guida, recita il decreto, tutti “i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati, in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020 conservano la loro validità fino al 15 giugno 2020”. Invece se la patente è utilizzata come documento di riconoscimento, ammesso che sia scaduta o in scadenza alla data del 17 marzo, la sua validità è prorogata fino al 31 agosto 2020. La validità dei fogli rosa era già stata prorogata fino al 30 giugno.

Per quanto riguarda le assicurazioni, la durata della polizze Rc auto fino al 31 luglio 2020 è prorogata di ulteriori 15 giorni, per un totale, quindi, di 30 giorni secondo quanto stabilito dall’articolo 125 del decretone. Di norma la società di assicurazione avvisa il contraente della scadenza del contratto con almeno 30 giorni anticipo rispetto alla scadenza e ha l’obbligo di mantenere la copertura prestata fino a 15 giorni dopo.

Per quanto riguarda Taxi e NCC, un provvedimento contenuto nell’articolo 93 riguarda tassisti e il servizio di noleggio con conducente, ovvero gli autoservizi pubblici non di linea. È istituito un fondo per l’installazione di paratie divisorie tra conducente e passeggeri purché le divisioni abbiano un certificato di conformità, omologazione o autorizzazione. Presso il ministero delle Infrastrutture e Trasporti viene creato un fondo di due milioni di euro per il 2020. Ancora non è stato fissato l’importo massimo del contributo pubblico che sarà stabilito con un decreto successivo.

Indulgenza Plenaria

L’Indulgenza Plenaria è la totale o parziale remissione e quindi cancellazione della pena temporale dovuta per i peccati già confessati e perdonati sacramentalmente.

Papa Francesco ha deciso di presiedere un momento di preghiera, con la piazza totalmente vuota, sul sagrato della Basilica di San Pietro, per chiedere al Signore di ascoltare l’invocazione di tutti gli uomini e le donne in questo tempo segnato dall’epidemia.
 
La preghiera è prevista oggi 27 marzo alle 18, in diretta su Tv2000 e prevede anche l’adorazione del Santissimo Sacramento, con il quale al termine il Pontefice impartirà la Benedizione Urbi et Orbi, con la possibilità di ricevere l’indulgenza plenaria.

Altri appuntamenti di preghiera, a San Teodoro, in live streaming facebook sulla pagina di Alessandro Cossu Parroco.

PREGHIAMO INSIEME, alle 14:45 esposizione S. Sacramento e un ora di Ador. Eucaristica, alle 15:00 Coroncina alla Divina Misericordia, 15:30 Via Crucis, 16:00 Santo Rosario, 16:30 Santa Messa.

Bambini a casa… in tempo di Coronavirus!

La sveglia suona alle 8:00, forse alle 9:00, bambini e genitori in piedi per programmare la mattinata scolastica, si cerca il da farsi nelle chat di scuola o nel pc per qualche video lezione, nel frattempo i bambini stanno già saltando sul divano o forse con il telecomando in mano per vedere i cartoni animati… Vivono questo momento come una lunga vacanza e con qualche compito da fare, I genitori vivono questo momento in modo diverso e cercano di cimentarsi per tutta la mattinata a fare gli insegnanti nelle condizioni più disperate… provate solo ad immaginare un genitore che cerca di convincere il proprio figlio o figlia a svolgere i propri compiti o cerca di spiegare la lezioncina e nel mentre le penne cadono in continuazione per terra, ogni 2 secondi il bimbo o bimba dice di voler bere o di dover andare in bagno oppure trova l’occasione di chiederti se i dinosauri esistono ancora mentre fai la lezioncina di matematica…

Le scuole sono chiuse, non si può e non si deve uscire in questo periodo in cui vige la richiesta del Governo per evitare il più possibile il contagio da Coronavirus e i bambini a casa si annoiano. Vivono questo momento come una vacanza, una vacanza molto stretta obbligati a stare chiusi nelle mura domestiche e non sanno come trascorrere un giorno intero esasperandosi ed esasperando i genitori… sentono molto la mancanza dei propri compagni, non avendo la possibilità di incontrarsi e vedersi, forse solo in qualche momento con una video chiamata, ma manca il gioco, il confrontarsi e interagire tra di loro. C’è chi, come un bimbo della Scuola primaria di San Teodoro, per passare il tempo e per sopperire la mancanza dei propri compagni ha voluto rappresentare tutti in un disegno per sentirsi sempre unito con loro… qualcosa devono farla!

Tutto andrà bene… #iorestoacasa

1 27 28 29 30